Peter Stromer e le foreste bavaresi

Le foreste bavaresi sono folti, rigorose e molto estese. Fra gli alberi più diffusi ci sono, naturalmente, gli abeti. Le conifere costituiscono, infatti, il 67% degli alberi in assoluto nelle foreste di questo grande Bundesland. Anche nei dintorni di Norimberga la situazione è analoga.

La grande presenza di conifere risale al fatto che nel Medioevo la vegetazione originaria, costituita soprattutto da faggi, fu talmente disboscata da dover ricorrere in fretta ai ripari. Fu Peter Stromer il Vecchio, patrizio di Norimberga e membro del Consiglio Comunale, a introdurre la riproduzione delle conifere in base ai loro semi. Grazie a lui le foreste intorno a Norimberga sono state le prime in Germania  “a coltivazione programmata”.

"La città di Norimberga si trova in una pianura amena sulla quale si eleva a nord - est una zona collinare. A sud, a est e a nord la città viene delimitata dalla Foresta Imperiale la quale, nella maggiore parte dei casi, comincia a non molto di più di ¾ d'ora dalla città. Da essa viene tratta la legna per il fabbisogno di Norimberga. Questa foresta era, a suo tempo, un territorio imperiale e ne ha mantenuto il nome anche quando venne acquistata dalla città."  citazione tratta daö Nuovo Libro Tascabile di Norimberga, pubblicato nel  1829.

Norimberga, 9 aprile 2015